Smart drugs, gli esperti siamo noi

Torna alla ribalta il delicato tema delle “Smart Drugs” e con lui torna a far parlare di sé Smart Project.

È Il Gazzettino ad indicarci quali esperti sulla prevenzione del fenomeno della diffusione di queste “droghe furbe” riferendosi alla campagna web condotta in collaborazione con il laboratorio Interaction And Culture del Dipartimento di Psicologia Applicata nel corso del 2011.

Articolo Gazzettino Smart Drugs

Il pezzo lascia a noi il compito di spiegare cosa siano e come nascano queste droghe “smart”, dando come riferimento il nostro Smartblog per tutti gli approfondimenti del caso.
Noi, ringraziando per la citazione, accettiamo l’invito e per aiutarvi nella comprensione di questo nuovo ed intricato mondo vi rimandiamo allo Smartgame, gioco realizzato in collaborazione con la iena Gip. Qui, al tempo, trattammo tematicamente l’uso improprio dei sali da bagno, uno dei rappresentanti eccellenti della categoria: a ciò affiancammo anche una pagina facebook sulla quale potrete recarvi per raccogliere molte più informazioni sul mondo delle “droghe furbe”.

Essere ben informati e consapevoli dei rischi è il primo passo per imparare a divertirsi senza rischiare di mandare in fumo quello che è, come ricorda anche Gip, il nostro bene più prezioso, la vita!
So, again… Fatevi furbi, non fatevi altro!

I commenti sono chiusi.

Iscriviti alla newsletter